Raccolta differenziata, piattaforme interrate e isole ecologiche scarrabili: approvato progetto da tre milioni

3' di lettura 10/11/2022 - Sarà per molti versi una piccola rivoluzione in tema di ambiente.

La Giunta, presieduta dal sindaco Nicola Fiorita, su proposta dell'assessore all'Ambiente Aldo Casalinuovo, ha infatti approvato il progetto di fattibilità tecnica che risponde all'obiettivo di potenziare e migliorare la quantità e la qualità del servizio di raccolta differenziata. Un intervento da circa tre milioni di euro a valere sulle risorse del Por Calabria Fers-Fse 2014/2020.

Una prima novità riguarderà le utenze non domestiche e quindi non i nuclei familiari, che continueranno a conferire i rifiuti come hanno fatto finora. La novità è destinata infatti al settore del commercio e, in particolare, quello delle aree più densamente interessate dalle attività e cioè centro storico e quartiere Lido, dove il progetto prevede che vengano rispettivamente realizzate sette e sei piattaforme interrate, con fuori terra solo il boccaporto di accesso, in grado di accogliere le diverse tipologie di rifiuto: plastica/metalli, vetro, organico. Ciascuna sarà fruibile grazie a un tesserino simile, nel funzionamento, a una carta prepagata che il titolare ritirerà presso gli uffici comunali. Il credito sarà a scalare e questo significa che si pagherà secondo la cosiddetta "tariffazione puntuale". In altre parole, il servizio costerà all'utente esattamente tanto quanto sarà la quantità di rifiuti prodotta dall'utente medesimo.

La seconda novità riguarderà invece tutte le utenze indifferentemente. Si tratta, in questo caso, di cinque isole ecologiche scarrabili all'interno delle quali trovano alloggiamento sei bocche di carico per diverse tipologie di rifiuti: plastica/metalli, vetro, organico, cartone, indifferenziato. Ogni bocca di conferimento è dotata di sistema di identificazione dell'utente e pannello di informazione con le istruzioni per i conferimenti. Anche le isole ecologiche, dunque, funzioneranno con la tesserina e la già citata tariffazione puntuale. Tre delle cinque isole saranno ubicate in zona centro, una a Lido e una presso l'area che ospita il centro commerciale Le Fontane.

"Il progetto – spiega l'assessore Casalinuovo – era inspiegabilmente caduto nel dimenticatoio, dopo essere stato avviato ben sei anni fa. Insieme con il sindaco, lo abbiamo rispolverato nell'agosto scorso subito dopo il nostro insediamento e ci siamo subito adoperati per evitare il rischio più che concreto di perdere un finanziamento corposo e anche per migliorare il servizio di raccolta differenziata. È stata una corsa contro il tempo, peraltro non ancora conclusa visto che l'intervento dovrà essere realizzato entro la fine del 2023, ma ne è valsa la pena perché si tratta di liberare le aree a maggiore densità commerciale dalla presenza di rifiuti che rimangono a vista fino al passaggio della raccolta e, nel caso delle isole scarrabili, si tratta di dare la possibilità a tutti i cittadini di conferire direttamente i rifiuti più ingombranti. Insomma – chiosa Casalinuovo – ambiente e rifiuti restano in massima evidenza nella nostra agenda secondo quel principio di gradualità a cui spesso ci siamo richiamati. Inevitabilmente, abbiamo dovuto cominciare dai fondamentali per garantire in maniera continuativa l'ordinario ma ben sapendo che anche sui temi dell'ambiente la Città ha bisogno di svolte autentiche e forti".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2022 alle 17:59 sul giornale del 11 novembre 2022 - 20 letture

In questo articolo si parla di attualità, Catanzaro, comunicato stampa, Comune di Catanzaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dBSX





logoEV