SEI IN > VIVERE CATANZARO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Torna nelle scuole calabresi il progetto "Cultura è sicurezza", Princi: "Sensibilizziamo su rischi sismici e idrogeologici"

2' di lettura
10

“Dopo il grande successo della scorsa edizione, che ha coinvolto ben oltre 150 docenti calabresi, avranno inizio il prossimo 17 aprile, all’ I.T.E. "Grimaldi Pacioli" di Catanzaro, guidato dalla dirigente Cristina Lupia, le attività formative di approfondimento sui rischi ambientali e antropici che interessano la nostra regione.

Al primo incontro a Catanzaro, che coinvolgerà anche la provincia di Crotone, seguiranno altri appuntamenti: il 18 e 19 aprile al Liceo scientifico “A. Volta”, diretto da Marisa Monterosso, per la città metropolitana di Reggio Calabria; il 22 aprile al Liceo Statale “Vito Capialbi” guidato dal dirigente Antonello Scalamandrè, per la provincia di Vibo Valentia; il 23 e 24 aprile all’I.C. “Gullo Cosenza Quarto” diretto da Rosa Maria Paola Ferraro, per la provincia di Cosenza”.

È quanto dichiara la vicepresidente della Giunta della Regione Calabria, Giusi Princi. Gli incontri, promossi dal Dipartimento di Protezione Civile regionale, con la proficua collaborazione dell’Ufficio scolastico regionale, di cui è dirigente generale Antonella Iunti, coinvolgeranno tutte le province calabresi e avranno come destinatari i referenti di educazione civica e i responsabili del servizio prevenzione e protezione (rspp) di ogni Istituto del territorio. Le attività, condotte anche per questa edizione dal professor Agostino Miozzo, già direttore generale del Dipartimento di Protezione Civile nazionale, e da Domenico Costarella, direttore generale della Prociv regionale, avranno come obiettivo l’analisi e l’approfondimento di tematiche legate alla percezione, conoscenza e gestione dei rischi naturali che interessano il territorio calabrese.

“Viviamo in una regione bellissima e vulnerabile perché – sottolinea Princi – fortemente esposta a rischi naturali. Da vicepresidente e donna di scuola, trovo fondamentale che gli studenti, per il tramite dei loro docenti, siano coinvolti in un percorso civico teso alla conoscenza dell’alto rischio sismico ed idrogeologico che caratterizza la nostra terra, nonché del ruolo determinante offerto dal servizio nazionale della Protezione Civile. Solo attraverso la conoscenza e la prevenzione – rimarca infine la vicepresidente - è possibile avere un approccio attivo nei confronti di questi fenomeni, così da ridurre la vulnerabilità e l'impatto che posso avere sulla nostra vita”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2024 alle 12:51 sul giornale del 11 aprile 2024 - 10 letture






qrcode